Bitcoin

UNO SCENARIO DI „FLASH CRASH“ SI PROFILA SU BITCOIN; ECCO PERCHÉ

Bitcoin potrebbe subire una significativa correzione del prezzo prima delle elezioni presidenziali americane a causa della sua vicinanza all’oro, suggerisce Clem Chambers.

L’amministratore delegato di ADVFN – il principale sito web europeo di azioni e titoli azionari, ha detto a Kitco News che la maggior parte delle attività che hanno mostrato una correlazione positiva durante l’encierro del 2020 tendono a cadere in tandem. Ha parlato dell’oro e di come un „flash crash“ nei suoi mercati potrebbe lasciare altri asset in un simile incantesimo ribassista.

„Ho ricevuto un avvertimento dal mercato circa dieci giorni fa… così ho liberato i mazzi perché penso che sia molto probabile, non del tutto certo, ma troppo probabile che ci sarà un crollo dei mercati“, ha detto il signor Chambers. „Normalmente, prima di un crollo, provo quello che chiamo un malfunzionamento del mercato in cui il mio portafoglio non si comporta come dovrebbe“.

LA STORIA DI DUE BENI RIFUGIO

Bitcoin ha tallonato l’oro in ritardo, soprattutto dopo la disfatta del mercato globale del marzo 2020, in cui entrambi gli asset sono crollati in tandem. A un certo punto di quest’anno, la correlazione a breve termine tra la crittovaluta e il metallo prezioso ha raggiunto il massimo storico del 75 per cento.

La vicinanza è cresciuta soprattutto a causa della crescente domanda di beni più sicuri e rischiosi in un contesto di prospettive ribassiste del dollaro USA. La politica monetaria senza precedenti della Federal Reserve, che comprende un programma di acquisto di obbligazioni a tempo indeterminato e tassi d’interesse vicini allo zero, ha aumentato l’attrattiva del contante e degli strumenti basati sul contante, come i titoli di stato statunitensi.

Anticipando i bassi rendimenti a breve termine, gli investitori hanno deciso di scaricare le loro posizioni in dollari per oro, Bitcoin Code, azioni statunitensi e altre attività.

Ciononostante, la scorsa settimana la Fed ha avvertito che non poteva continuare il suo programma espansivo senza un ulteriore aiuto monetario da parte del Congresso degli Stati Uniti. Il suo presidente Jerome Powell ha chiesto alla Camera di rilasciare il secondo pacchetto di stimoli per il coronavirus. E‘ l’aiuto che rimane in una situazione di stallo mentre i Democratici e i Repubblicani dibattono sulle sue dimensioni.

Gli economisti ritengono che il Congresso non sarà in grado di approvare il disegno di legge sugli incentivi prima delle elezioni presidenziali di novembre. Con le aspettative di una minore liquidità del dollaro sul mercato, la domanda di biglietto verde è aumentata tra gli investitori. D’altra parte, l’oro, le azioni e la Bitcoin hanno iniziato a correggere i loro massimi locali.

È qui che il signor Chambers vede un „malfunzionamento“.

OPINIONI CONTRASTANTI DI BITCOIN

Ma non tutti pensano sulla linea di Mr. Chambers, almeno quando si tratta del dollaro USA e della sua polarizzazione del mercato.

Stephen Roach, l’ex presidente di Morgan Stanley Asia, ha detto in un op-ed che il biglietto verde potrebbe crollare di almeno il 35% entro la fine del 2021, citando i bastoni tra le valute estere e le incombenti questioni macroeconomiche negli Stati Uniti riguardanti il risparmio inferiore e – di nuovo – le politiche espansionistiche della Fed.

„In breve, la morsa si sta inasprendo su un dollaro ancora sopravvalutato“, ha scritto Roach.

L’analogia ribassista del dollaro indica una maggiore domanda di Bitcoin e di oro nelle prossime sessioni. Alcuni si aspettano che la criptovaluta raggiunga i 20.000 dollari se il dollaro continua a scendere.